Con le nostre memberships, accedi ad oltre 350 corsi on-demand e 50 ECM ogni anno. A partire da poco più di 1€ al giorno.. Clicca qui!
Corsi On Demand

Congresso Attaccamento e Trauma: Relazioni, coscienza e sviluppo del Sé – 18-20 Giugno 2021

a cura di Fabio Veglia, Christine Courtois, Bruce Ecker, Elizabeth Howell, Liz Mullinar, Offer Maurer, Roger Solomon, Pat Ogden, Marina Cirio, Diana Fosha
MP0044
150 
MP0044
Puoi pagare i in 3 rate, senza interessi! Per gli ordini oltre 100€, al check-out, potrai selezionare il pagamento con Klarna, che ti permetterà di pagare in 3 volte senza interessi.
Come accedere a questo Corso On-Demand?
Dopo l’acquisto ti sarà sufficiente entrare nella tua Bacheca e scegliere questo corso On-Demand per poter vedere tutti i video e scaricare le eventuali risorse (come slides e altro materiale). Ti ricordiamo che la visualizzazione dei corsi può avvenire, sul nostro sito web, da qualsiasi dispositivo (computer, smartphone e tablet), tutte le volte che vorrai.
Cosa imparerai da questo Corso On-Demand?

Lo sviluppo del Sé e della coscienza come costrutto relazionale sarà il tema del Congresso “Attaccamento e Trauma”. Le esperienze di sviluppo caratterizzate da accudimento e sintonizzazione insufficienti, o da abuso nella relazione con il caregiver, possono determinare una frammentazione del Sé nel suo senso di continuità e coerenza interna.
La coscienza dell’essere umano si struttura all’interno di una dimensione intersoggettiva caratterizzata da continue esperienze di rispecchiamento con l’altro. Il mancato rispecchiamento può determinare sintomatologie dissociative del Sé, che possono essere anche estremamente rigide in presenza di traumi complessi. Gli interventi dei relatori approfondiranno la complessità degli aspetti legati allo sviluppo della coscienza, anche tramite lo studio del cervello come punto di partenza per una comprensione profonda dell’interazione umana, in una visione che superi la distinzione tra processi top-down e bottom-up, e che guardi alla dimensione sociale in una modalità integrata più complessa e più evoluta. Verranno inoltre messe in luce le opportunità terapeutiche più efficaci per strutturare un intervento integrativo tramite aspetti specifici della relazione terapeutica, vista come occasione di riparazione alla frammentazione del Sé, in cui entrambi gli attori possono sperimentare un coinvolgimento protetto e non pericoloso.
Verranno proposti metodi di intervento per il trattamento di traumi complessi e per prevenire gli effetti della trasmissione intergenerazionale del trauma. Sarà un’occasione per analizzare nuove prospettive di intervento – come la terapia di fronte allo specchio – o allargare il focus al livello della prosodia e dell’utilizzo della musica e della voce in psicoterapia come modalità di intervento in grado di attivare il sistema di coinvolgimento sociale del paziente.

A chi è rivolto questo Corso On-Demand?
Questo Corso On-Demand è rivolto a tutti gli psicologi e psicoterapeuti.
In questo Corso On-Demand gli speakers parlano di …
Presentazione di Fabio Veglia

Traumi semantici dell’attaccamento e costruzione narrativa del Sé.

Una grave disregolazione dei sistemi di difesa arcaici, caratterizzata dalla cronica attivazione dei meccanismi di allarme, può essere generata dalla simultanea attivazione dei Sistemi Motivazionali Interpersonali (SMI) dell’accudimento, del rango e della sessualità sociale da parte di figure di attaccamento percepite dal bambino come sorgente di pericolo e minaccia, invece che di sicurezza e di benessere relazionale. Tali esperienze interpersonali traumatiche, sovente precoci nella storia di sviluppo, possono essere integrate solo parzialmente nel sistema corpo/sentimenti/memoria/coscienza e generano gravi interferenze con l’organizzazione dell’attaccamento, con la strutturazione dei modelli operativi interni, con la maturazione dei meccanismi di regolazione delle risposte emotive e con l’acquisizione delle competenze metacognitive. Il cervello, costretto ad operare in condizioni così estreme, manifesta sovente patologie dissociative e costruisce strategie controlling per gestire le relazioni interpersonali attraverso un uso compulsivo e improprio dell’accudimento, del rango e della sessualità. Nel medesimo tempo, appena superata la fase acuta di troncoencefalizzazione delle risposte neurovegetative e comportamentali (attacco, fuga, freezing, fanting), la componente autobiografica della coscienza è biologicamente spinta a costruire un senso e un significato anche per le esperienze frammentate, confuse e angoscianti connesse alle memorie traumatiche, e non può fare a meno di generare intorno ad esse -e alle strategie controllanti- una parte della narrazione dalla quale emerge e prende forma l’dea di Sé. In questo modo, il Trauma Relazionale Complesso assume le caratteristiche del Trauma Semantico, che caratterizza l’identità personale e diventa ontologicamente connotativo del Sé – attraverso l’uso di assunti radicali e inconfutabili su alcune proprietà essenziali dell’individuo. Il tentativo di generare una narrativa personale coesa, coerente e continuativa, viene paralizzato, disorganizzato sintatticamente, svuotato di contenuti coerenti, compartimentato, reso impotente e caotico nell’atto di generare accordi tra le parti di Sé. La non amabilità, l’assenza di valore personale, il senso di impotenza, il pervasivo sentimento di vergogna, il senso di vuoto, l’inconsistenza dell’essere se stessi, la mancanza di libertà interiore, diventano i nuclei semantici prevalenti intorno ai quali si sviluppa la narrazione della propria storia relazionale traumatizzata. Tali nuclei semantici drammaticamente sofferenti e le parti dissociate del Sé che li portano in scena, creano continue, pericolose occasioni di ri-traumatizzazione e attivano meccanismi ricorsivi di disregolazione emotiva, di dissociazione della coscienza, di riemergenza improvvisa di frammenti delle memorie traumatiche. In numerosi casi, dunque, non si può limitare il piano di cura alla regolazione dei meccanismi somatici, relazionali, emozionali e metacognitivi disfunzionali né alla sola riattivazione dei meccanismi autoriparativi del cervello. Una volta stabilizzato il paziente e consolidata l’alleanza terapeutica, è sovente necessario includere nella terapia dei traumi dell’attaccamento un trattamento narrativo volto al lavoro con le parti, fortemente connotato sul versante semantico, condotto anche attraverso vie d’accesso relazionali e sensomotorie.

 

Bibliografia:
Damasio A., Lo strano ordine delle cose, Adelphi, Milano, 2018.
Di Fini G and Veglia F (2019) Life Themes and Attachment System in the Narrative Self-Construction: Direct and Indirect Indicators. In “Front. Psychol”,10:1393. doi: 10.3389/fpsyg.2019.01393
Liotti G., Farina B., Sviluppi traumatici: eziopatogenesi, clinica e terapia della dimensione dissociativa, Rafaello Cortina Editore, Milano, 2011.
Panksepp J., Biven L., Archeologia della mente, Rafaello Cortina Editore, Milano, 2014.
Porges S. W., La teoria polivagale. Giovanni Fioriti Editore, Roma, 2014.
Veglia F., Di Fini G., Life Themes and Interpersonal Motivational Systems in the Narrative Self-construction. in “Frontiers in psychology”, 8, pp. 1897, 2017.

Presentazione di Christine Courtois

Il trauma complesso, la sua storia e il suo trattamento: il meta-modello PRISM 

Dalla loro introduzione, nei primi anni Novanta, dei termini “trauma complesso” e della diagnosi di Disturbo da Stress Post-Traumatico Complesso (CPTSD), questi sono stati oggetto di varie controversie. Recentemente, invece, un numero sempre crescente di esperti concorda sul fatto che forme di attaccamento precoci ripetitive e imprigionanti, nonché altre forme di trauma cronico interpersonale, possono avere spesso effetti molteplici, stratificati e interconnessi che orientano e subiscono l’infuenza dei processi di maturazione. Tali effetti interferiscono con lo sviluppo personale, in molti ambiti diversi, del bambino traumatizzato e possono durare letteralmente una vita intera; possono inoltre causare una regressione evolutiva negli adulti.

A partire dagli anni Novanta, tali effetti postumi sono stati oggetto di un gran numero di studi che hanno portato a una conoscenza molto più sofisticata dell’argomento, con applicazioni relative a una vasta gamma di ambiti, tra cui gli studi evolutivi, quelli sull’attaccamento, gli studi sulle emozioni e le neuroscienze. Al contempo, per dirla con le parole di Judith Herman, il campo della ricerca sul trauma complesso è stato oggetto di una “fiorente innovazione clinica” che ha portato allo sviluppo di nuovi approcci e a un’ampia gamma di opzioni di trattamento applicabili alla risoluzione del trauma. Esistono oggigiorno vari approcci evidence-based a breve termine, la cui efficacia nel trattamento dei sintomi post-traumatici è stata comprovata dalla ricerca scientifica. Tali risultati hanno portato alcuni ricercatori e clinici a considerare i suddetti trattamenti applicabili a qualsiasi individuo traumatizzato, a prescindere dallo status clinico. Tuttavia, i professionisti della salute mentale specializzati nel trattamento del trauma complesso e della dissociazione hanno messo in discussione, sotto diversi aspetti, l’applicabilità universale di simili trattamenti, schierandosi a favore di approcci più sequenziali, con più sfumature, che si spingano oltre i meri sintomi posttraumatici e consentano di lavorare sui disturbi del Sé, sulle relazioni con gli altri, nonché sulle varie comorbidità spesso causate dal trauma complesso. Questo intervento si focalizzerà su tre aree principali: L’evoluzione storica della concettualizzazione del Trauma Complesso/Disturbo da Stress Post-Traumatico Complesso (CPTSD) e le resistenze opposte nel settore della ricerca sullo stress traumatico, come evidenziato dalla scelta di non includerla come diagnosi indipendente all’interno del Manuale Diagnostico e Statistico (DSM) né all’interno delle linee guida relative alla pratica clinica. I criteri relativi al PTSD “classico” derivano dagli studi sui traumi provocati dalla guerra e sulle reazioni post-traumatiche manifestate nella tarda adolescenza o all’inizio dell’età adulta, prevalentemente in soggetti di sesso maschile. Al contrario, i criteri relativi al PTSD Complesso derivano da studi sul trauma infantile, la violenza domestica e altre forme ripetitive e imprigionanti di trauma, ambiti che interessano più spesso – ma non esclusivamente – i soggetti di sesso femminile. Sono state identificate, inoltre, differenze significative tra le due popolazioni cliniche: mentre i bambini traumatizzati mostrano chiari sintomi post-traumatici, questi si manifestano in modo diverso negli adulti, a causa dell’età e dello stadio specifico del disturbo. Se il trauma avviene nel corso dello sviluppo del bambino, questo incide, compromette e si interseca col processo di sviluppo, portando all’insorgere di pattern sintomatici piuttosto diversi rispetto a quelli relativi al PTSD classico. Queste differenze sono state codificate di recente, grazie all’inserimento del PTSD Complesso – in qualità di diagnosi indipendente ma “imparentata” a quella del PTSD tradizionale – all’interno dell’undicesima Classificazione Internazionale delle Patologie (International Classification of Diseases-11). Questa diagnosi, basata sui risultati di ricerca relativi a varie classi di effetti postumi evidenzia, nello specifico, i Disturbi di Organizzazione del Sé (Disorders of Self-Organization o DSO), ritenuti i sintomi più profondi del PTSD complesso. Tali disturbi sono stati identificati anche come criteri alla base della diagnosi di Disturbo da Trauma dello Sviluppo, diagnosi proposta ma non ancora accettata. Gli effetti postumi identificati dalla diagnosi di PTSD Complesso e dalla concettualizzazione di Disturbo da Trauma dello Sviluppo. La complessità e le origini molteplici, stratificate e interconnesse – sia a livello fsiologico che psicologico – di tali effetti, che si manifestano nel corso del tempo in varie forme, comprese le risposte dissociative, saranno oggetto di un’analisi approfondita. I sintomi saranno analizzati in quanto sforzi compiuti dall’individuo per adattarsi al trauma che, nel corso del tempo, divengono maladattivi qualora utilizzati al di fuori del contesto originale. Sarà presentata, inoltre, una possibile interpretazione dei sintomi come “elaborazioni secondarie degli effetti originali non trattati [e spesso non riconosciuti] del trauma” (Gelinas), in relazione alle patologie e alle diagnosi di salute mentale spesso concomitanti. Tutti questi aspetti saranno ulteriormente analizzati in funzione della teoria della complessità, in modo da aiutare i clinici a comprendere in modo più approfondito la vasta gamma di sintomi presentati dai pazienti. Lo sviluppo di modelli di trattamento adatti ai disturbi da Stress Post-Traumatico Complessi, in grado di intervenire sulle loro molteplici manifestazioni. In seguito alla pubblicazione della versione aggiornata del libro sul trattamento del trauma complesso, Christine ha messo a punto, insieme a Julian Ford, un meta-modello di trattamento e delle linee guida finalizzate ad aiutare i clinici a gestire quello che potrebbe rivelarsi uno dei processi di trattamento più complessi e meno chiari in assoluto. L’acronimo di tale modello è PRISM: Personalizzato, Integrativo, Sequenziale, Relazionale e Multi-componente. Ognuna di queste caratteristiche sarà presentata in dettaglio, insieme al proprio fondamento logico e ai diversi sotto-componenti. Al termine di questo intervento, i partecipanti saranno in grado di riconoscere in che modo i diversi modelli di trattamento presentati durante il Congresso “Attaccamento e Trauma” sono in linea con questo meta-modello.

Presentazione di Bruce Ecker

Il trauma complesso dell’attaccamento incontra il Riconsolidamento della Memoria: facilitare il processo neurale di disapprendimento per dar vita ad un cambiamento trasformativo. 

Nel corso dell’intervento verranno mostrati video di sedute terapeutiche che rivelano come gli apprendimenti emotivi derivati da un grave trauma dell’attaccamento possono essere profondamente disappresi tramite il riconsolidamento della memoria, con la cancellazione completa sia dei sintomi post-traumatici estremi sia della riattivazione dei ricordi traumatici che ne sta alla base – un cambiamento trasformativo. Il riconsolidamento amnesico è un processo cerebrale innato che consiste nella correzione diretta, a livello di codifica neurale, degli apprendimenti esistenti. Da oltre due decenni, i neuroscienziati indagano il funzionamento di questo processo di cambiamento neurologico guidato dall’esperienza. Dal 2006 Bruce Ecker è impegnato principalmente a tradurre in metodologia terapeutica questi risultati della ricerca. I partecipanti acquisiranno una mappa chiara delle fasi del processo necessarie per indurre il riconsolidamento e il cambiamento trasformativo a livello cerebrale, e anche una vivida dimostrazione delle stesse fasi applicate a casi di grave trauma complesso all’interno delle relazioni di attaccamento. Emergeranno con evidenza sia la profondità emotiva sia la qualità empatica dell’intervento di facilitazione. Inoltre, si chiarirà la differenza fondamentale tra cambiamento trasformativo, che elimina l’esistenza stessa dell’apprendimento target e la possibilità di un suo riemergere, e il cambiamento contro-attivo, con cui si sviluppano risorse positive che competono con l’apprendimento target ma senza effettivamente sostituirsi a esso e consentendo, dunque, eventuali ricadute. La metodologia terapeutica del Riconsolidamento si basa interamente su una conoscenza empirica, transteoretica, del processo neurale del Disapprendimento. I passi principali sono definiti in termini di esperienze interne, non di procedure esterne, in modo che i terapeuti siano liberi di utilizzare qualsiasi tecnica esperienziale adatta a facilitare il processo. Tali passi sono ad esempio stati rilevati in casi clinici pubblicati di cambiamento trasformativo in cui erano stati impiegati diversi sistemi psicoterapeutici, il ché suggerisce che si possa trattare di fattori universali comuni che possono fungere da cornice per l’integrazione delle psicoterapie. Questo processo rappresenta una conferma significativa e un perfezionamento del paradigma delle esperienze correttive, e una seria sfida alla teoria dei fattori comuni non-specifici.

Presentazione di Elizabeth Howell

Sistema chiuso, attaccamento e dissociazione.

Ronald Fairbairn considerava il sistema chiuso del mondo interiore del paziente come la principale fonte di tutte le resistenze; al riguardo scriveva: “aprire degli spiragli all’interno del sistema chiuso che costituisce il mondo interiore del paziente – e quindi renderlo accessibile all’infuenza della realtà esteriore – diventa obiettivo del trattamento psicoanalitico” (1958, pag. 84). La diade psicoterapeuta-paziente, esattamente come quella madre-infante e le diadi presenti in altre relazioni intime, è idealmente caratterizzata da una regolazione reciproca e dovrebbe costituire un sistema aperto. Un sistema aperto presuppone, infatti, un’interazione con la realtà esteriore, di cui subisce l’infuenza. Tuttavia, nelle storie di attaccamento traumatico, in cui la figura di attaccamento non riesce ad offrire uno scudo protettivo contro i pericoli o le minacce percepite, oppure costituisce essa stessa una fonte di pericolo o minaccia, il sistema di attaccamento dell’individuo subisce distorsioni considerevoli; questo fa sì che il Sé diventi sempre più auto-suficiente (paradossalmente, proprio per mantenere un legame affettivo con la figura di attaccamento). In presenza di emozioni travolgenti e in assenza di una fonte esterna di supporto sicuro, la psiche diventa, per necessità, sempre più auto-referenziale e chiusa. Di conseguenza,  l’individuo diventa intensamente iper-vigile rispetto al duplice pericolo innescato dalle minacce esterne e dal senso di soprafazione interno. Questo significa che l’autoregolazione – e in particolare la regolazione affettiva – diventa un problema. Nell’ambito della psicopatologia dissociativa, la reciprocità delle relazioni, sia interpersonali che intrapersonali, si riduce in modo considerevole. Il sistema chiuso preclude dunque l’intersoggettività interpersonale, nonché il riconoscimento reciproco degli altri, separati dall’individuo e contraddistinti da esperienze proprie, oltre che da un proprio senso di agenzia.

Presentazione di Liz Mullinar

Come migliorare il rapporto con il Sé e con gli altri, portando alla consapevolezza i traumi irrisolti ed utilizzando strategie pratiche di efficacia dimostrata con cui creare un ambiente sicuro e potenziante che consenta una guarigione permanente. 

Il problema maggiore dei sopravvissuti a un trauma infantile è l’incapacità di riconoscere i fattori scatenanti (trigger) derivati dall’esperienza traumatica e il non sapere come rilasciarli per poter de-attivare la risposta di attacco, fuga o congelamento, risposta automatica che per i sopravvissuti a un trauma rappresenta una delle più importanti cause di problemi comportamentali ed emotivi.
Gli esperti del settore affermano che la guarigione deve provenire dall’emisfero dominante destro, dal Sé inconscio. Il modello HFL ha successo perché accede in sicurezza al Sé inconscio per liberare le emozioni soppresse all’epoca dell’evento traumatico. Il rilascio del trauma permette ai clienti di sviluppare un nuovo Sé, libero dai vincoli del trauma. Il modello riconosce l’importanza che siano gli stessi clienti a guidare e controllare tutti i processi del trattamento. Il modello è unico, in quanto sviluppato da sopravvissuti a un trauma, con  la loro conoscenza interiore ed esperienza personale, e integrato con le scoperte delle neuroscienze. Negli oltre vent’anni cdi pratica è stato perfezionato inglobando le esperienze e i riscontri di altri sopravvissuti a traumi infantili. Nel modello HFL i partecipanti sono in grado di riconoscere di possedere le conoscenze e la capacità per guarire; il modello promuove infatti autonomia e auto-efficacia e rende i partecipanti capaci di osservare con una nuova coscienza il rapporto con sé stessi e con gli altri. I partecipanti sono poi supportati da terapeuti che hanno vissuto in prima persona lo stesso processo di guarigione: si tratta di persone altamente preparate e supervisionate per fornire psicoeducazione e supporto terapeutico. Nel corso della presentazione, pratica ed esperienziale, una sopravvissuta offrirà la sua prospettiva su un trattamento efficace del trauma complesso, includendo un video di presentazione per rafforzare l’utilizzo di questo programma – centrato sul cliente e sviluppato da pari – nella professione privata. In questo modo i partecipanti al Congresso potranno ampliare le modalità terapeutiche e supportare con maggior efficacia e sicurezza i clienti vittime di traumi infantili nel loro viaggio verso la guarigione.

Presentazione di Offer Maurer

Il Trauma Insidioso e le Relazioni affettive.

L’espressione “trauma insidioso” (insidious trauma) fa riferimento a tutti quegli episodi della vita quotidiana riconducibili a marginalizzazione, oggettificazione, disumanizzazione e intimidazione vissuti da soggetti appartenenti a gruppi colpiti da forme di oppressione relativi a razzismo, discriminazioni basate sull’età, sul sesso e altro ancora. Nell’ambito della propria attività clinica, i terapeuti si trovano dinnanzi a svariate forme di sofferenza (sintomi), spesso attribuite erroneamente a fattori interni. Nella maggior parte dei casi, infatti, il trauma insidioso non viene riconosciuto, né espresso adeguatamente, rimanendo per lo più invisibile. Durante questo intervento, il trauma insidioso sarà oggetto di un’analisi approfondita, con particolare attenzione ai diversi effetti sulle relazioni affettive. In particolare, l’analisi delle dinamiche specifiche relative all’eteroflia e all’omofobia presenti all’interno della società, nonché della loro trasmissione attraverso la relazione padre-figlio, fungerà da esempio per descrivere in che modo il trauma insidioso viene “messo in scena” e ri-vissuto all’interno delle relazioni affettive. Saranno per concludere illustrate le principali implicazioni cliniche relative al trattamento terapeutico di questa tipologia di trauma e dei suoi effetti.

Presentazione di Roger Solomon

La Desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari (EMDR) e l’attaccamento traumatico. 

La terapia EMDR è un approccio terapeutico evidence-based per il trattamento del trauma. Secondo il modello di elaborazione adattiva dell’informazione, che guida l’approccio EMDR, i sintomi presentati dal cliente hanno origine da esperienze dolorose che vengono immagazzinate, in modo maladattivo, nel cervello, senza che siano state pienamente elaborate e integrate all’interno della rete più ampia della memoria (Shapiro, 1995, 2001, 2018).
La terapia EMDR è un metodo suddiviso in otto fasi che implica l’elaborazione dei ricordi del passato all’origine dei problemi manifestati nel presente, nonché dei trigger che attivano il cliente nel presente; questo metodo implica, inoltre, la creazione di un modello futuro (o template) di comportamento adattivo. L’EMDR può essere utilizzata non soltanto per trattare i traumi più gravi, ma anche per trattare quei ricordi onnipresenti “apparentemente piccoli” ma piuttosto impattanti (per es. lo sguardo arrabbiato di una madre, la richiesta di aiuto ignorata da un padre). Questi ricordi sono alla base di svariate credenze negative: “non sono abbastanza”, “non merito di essere amato/a”, “sono impotente” o “non sono al sicuro” sono soltanto alcuni esempi. L’attaccamento disorganizzato ha luogo quando il caregiver è sia una fonte di sicurezza che di terrore; questa forma di attaccamento è all’origine del PTSD Complesso e dei disturbi dissociativi (Brown and Elliot, 2018). Il trauma (l’abuso o la trascuratezza subiti) non è l’unico aspetto da considerare: anche l’attaccamento traumatico nei confronti della figura abusante deve essere adeguatamente trattato. L’EMDR può essere infatti utilizzata sia per il trattamento del trauma che per quello dell’attaccamento traumatico. Questa presentazione illustrerà i principi di base della terapia EMDR e analizzerà il trattamento terapeutico dell’attaccamento traumatico nei clienti che hanno vissuto abusi sessuali. I principi di trattamento verranno illustrati, inoltre, attraverso specifici filmati clinici.

 

Presentazione di Pat Ogden

Il ruolo delle sensazioni corporee nel trattamento dei clienti dissociativi: rischi e benefici. 

Durante la presentazione saranno illustrate una serie di strategie volte ad aiutare i clienti dissociativi a fidarsi maggiormente delle proprie sensazioni corporee, intese come fonte di conoscenza di sé e di cambiamento. Oltre ad analizzare la fobia nei confronti del corpo, la Dott.ssa Ogden descriverà svariati interventi finalizzati a sostenere i clienti nel superare questa fobia. Gli argomenti trattati includeranno: i rischi e i benefici del lavoro terapeutico con le sensazioni corporee; gli interventi da utilizzare quando i clienti finiscono per essere disregolati dalle proprie sensazioni; suggerimenti pratici per aiutare i clienti a “fare amicizia” con le proprie sensazioni corporee e a mitigare l’evitamento dell’esperienza somatica. Pat Ogden analizzerà, inoltre, i rischi intrinseci e le sfide poste dal lavoro terapeutico con l’emozione positiva e i “buoni” ricordi, soffermandosi su cosa fare quando queste esperienze agiscono da trigger sul cliente. Un altro aspetto esaminato durante l’intervento sarà il potente impatto dell’utilizzo del self-touch da parte del cliente: a questo proposito, sarà evidenziato il potenziale di questa tecnica sia in termini di outcome positivo che in quanto strumento utile per ridurre la disregolazione e le esperienze rivissute (il fenomeno del re-experiencing). I partecipanti impareranno come utilizzare le emozioni positive e il self-touch per modificare le tendenze procedurali del corpo e favorire l’integrazione delle diverse parti del Sé del cliente.

Presentazione di Alessandro Carmelita

Mindful Interbeing Mirror Therapy: oltre il superamento del Trauma. 

Il paradigma Still Face e il meccanismo dei Neuroni Specchio rappresentano due dei principi cardine alla base della MIMT, poiché hanno dato risalto in modo scientifico alla dimensione relazionale intrinseca nel processo di costruzione del Sé e di attribuzione di significato esistenziale propri di ogni essere umano. L’utilizzo dello specchio in psicoterapia permette di esplorare da subito la relazione del soggetto con il proprio Sé, oggettivando la concezione del Sé come Altro con cui interagire. Questo permette di sperimentare la dimensione intersoggettiva dell’essere umano in una modalità nuova in cui i processi di cambiamento risultano accelerati. La MIMT permette di utilizzare in modo mirato e consapevole l’attivazione di circuiti neurobiologici connessi al riconoscimento del proprio volto e delle emozioni connesse alle espressioni facciali, al servizio della psicoterapia, intesa come processo di ricostruzione del Sé. Obiettivo terapeutico è ristabilire un senso di connessione e profonda appartenenza alla propria immagine rifessa, in cui il paziente possa sperimentare quella self compassion che si pone agli antipodi rispetto al disgusto e alla vergogna di sé tipici dei soggetti traumatizzati.

Presentazione di Marina Cirio

Mindful Interbeing Mirror Therapy: oltre il superamento del Trauma. 

Il paradigma Still Face e il meccanismo dei Neuroni Specchio rappresentano due dei principi cardine alla base della MIMT, poiché hanno dato risalto in modo scientifico alla dimensione relazionale intrinseca nel processo di costruzione del Sé e di attribuzione di significato esistenziale propri di ogni essere umano. L’utilizzo dello specchio in psicoterapia permette di esplorare da subito la relazione del soggetto con il proprio Sé, oggettivando la concezione del Sé come Altro con cui interagire. Questo permette di sperimentare la dimensione intersoggettiva dell’essere umano in una modalità nuova in cui i processi di cambiamento risultano accelerati. La MIMT permette di utilizzare in modo mirato e consapevole l’attivazione di circuiti neurobiologici connessi al riconoscimento del proprio volto e delle emozioni connesse alle espressioni facciali, al servizio della psicoterapia, intesa come processo di ricostruzione del Sé. Obiettivo terapeutico è ristabilire un senso di connessione e profonda appartenenza alla propria immagine rifessa, in cui il paziente possa sperimentare quella self compassion che si pone agli antipodi rispetto al disgusto e alla vergogna di sé tipici dei soggetti traumatizzati.

Presentazione di Diana Fosha

Il ruolo deel core self neurobiologico e del suo felt sense nel trattamento del trauma e della dissociazione. 

Diana Fosha, PhD, incentrerà la sua presentazione sul monitoraggio diadico, momento per momento, del felt sense – ossia la “sensazione sentita” – del Core Self neurobiologico nell’ambito del trattamento del trauma e della dissociazione. Attingendo alla ricerca sulla neuroplasticità, alle neuroscienze affettive, alla teoria dell’attaccamento, agli studi evolutivi relativi alle interazioni caregiver-neonato, nonché a quelli trasformativi, Diana ha sviluppato la AEDP, la cui pratica clinica è essenzialmente esperienziale, diadica e orientata alla guarigione. Questa presentazione vi mostrerà come utilizzare, in ambito clinico, l’importante costrutto del Core Self neurobiologico, introdotto da Jaak Panksepp e Antonio Damasio. L’utilizzo di filmati illustreranno con chiarezza il lavoro clinico, di natura esperienziale, condotto dal terapeuta ai margini superiori della finestra di tolleranza del paziente, finalizzato ad amplificarne le capacità relazionali, emotive, ricettive e affettive. L’intervento di Diana si focalizzerà principalmente sulle tecniche basate su affermazione e riconoscimento attraverso l’utilizzo del Sé affettivo del terapeuta. Il lavoro clinico illustrerà, inoltre, il monitoraggio -momento per momento- guidato dal concetto di Core Self neurobiologico formulato da Jaak Panksepp. In particolare, il manifestarsi del Core Self neurobiologico in un paziente con un Disturbo da Stress Post-Traumatico Complesso sarà monitorato dal primo momento della prima seduta fino al termine del trattamento. La presentazione includerà videoregistrazioni cliniche.

Presentazione di Ruth Lanius

La cura del Sé traumatizzato: come gestire situazioni cliniche complesse nel trattamento del trauma. 

Nel corso dell’intervento parleremo delle situazioni cliniche complesse che si presentano regolarmente nel trattamento del trauma. Si discuterà degli interventi terapeutici integrativi finalizzati al ripristino del Sé attraverso la risoluzione dei sintomi principali, che includono: fashback dissociativi, immobilità tonica, allucinazioni uditive (“sentire le voci”) associate al fenomeno dissociativo, esperienze extra-corporee, frammentazione del Sé, auto-mutilazione, disregolazione affettiva (stati emotivi ad elevata intensità, intolleranza agli stati affettivi positivi, ottundimento emotivo). Inoltre, si illustreranno gli approcci terapeutici incentrati sul ristabilimento del funzionamento interpersonale e sulla prevenzione della trasmissione intergenerazionale del trauma. Nel corso dell’intervento, si ricorrerà a esempi di casi clinici e si discuterà delle strategie di trattamento basate sulla neurobiologia. Esploreremo anche i recenti progressi della ricerca, in particolare nell’ambito della neurobiologia dello stress traumatico e del suo trattamento.

Recensioni: cosa dice chi lo ha già acquistato?

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Congresso Attaccamento e Trauma: Relazioni, coscienza e sviluppo del Sé – 18-20 Giugno 2021”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

🎁 Ricevi in omaggio il nostro prossimo evento online 🎁
acquistando Congresso Attaccamento e Trauma: Relazioni, coscienza e sviluppo del Sé – 18-20 Giugno 2021
Fabio Veglia
Fabio Veglia, psicologo, psicoterapeuta, e professore di Psicologia Clinica presso il Dipartimento di Psicologia dell’Università di Torino. Dirige le Scuole di Specializzazione in Psicoterapia Cognitiva del Centro Clinico Crocetta, sedi di Torino, Genova e Vercelli, e del MIND, sede di Novara, ed è coordinatore scientifico del Servizio Disabilità e Sessualità della Divisione Servizi Socio Assistenziali della Città di Torino. Lavora nella ricerca e nella formazione da oltre 30 anni. È coautore di numerose pubblicazioni scientifiche, tra cui “Handicap e sessualità: il silenzio, la voce, la carezza” e “Storie di vita: narrazione e trattamento in psicoterapia cognitiva”. Ha pubblicato “Manuale di educazione sessuale”, con Rossella Pellegrini, “C’era una volta la prima” con Ciro Ruggerini, Sumire Manzotti e ‘Narrazione e disabilità intellettiva’ con Giampiero Grifo.
Christine Courtois
La Dott.ssa Christine Courtois è una psicologa certificata dall’American Board of Professional Psychology (ABPP). Dopo 35 anni di pratica clinica a Washington DC, la Dottoressa Courtois continua a lavorare come consulente e conferenziera nel campo della psicologia e del trattamento dei traumi. È coautrice, con Julian Ford e altri colleghi, del libro “Posttraumatic Stress Disorder” sul trattamento dei traumi complessi e ha contribuito alla pubblicazione di tre diversi volumi sui traumi complessi negli adulti e nei bambini/adolescenti. Oltre a numerosi articoli e capitoli, la Dott.ssa Courtois è autrice dei libri “It’s Not You, It’s What Happened to You”, rivolto a un pubblico più ampio, “Recollections of Sexual Abuse” e “Healing the Incest Wound: Adult Survivors in Therapy”, ed è coeditrice di “Spiritually Oriented Psychotherapy for Trauma”.
Bruce Ecker
Bruce Ecker, LMFT, è co-sviluppatore della Coherence Therapy, co-direttore e co-fondatore del Coherence Psychology Institute e co-autore di Unlocking the Emotional Brain: Eliminating Symptoms at Their Roots Using Memory Reconsolidation, Coherence Therapy Practice Manual and Training Guide e del libro Depth Oriented Brief Therapy: How To Be Brief When You Were Trained To Be Deep and Vice Versa. La sua carriera clinica è dedicata principalmente a spiegare come avviene il cambiamento trasformativo in terapia, contribuendo con diversi concetti e metodi innovativi nel campo della psicoterapia esperienziale. Dal 2006 lavora in ambito clinico al riconoscimento del riconsolidamento amnestico come processo centrale nel cambiamento trasformativo, applicando le sue scoperte nella pratica con l’obiettivo di promuovere il progresso dell’efficacia terapeutica e l’unificazione della psicoterapia.
Elizabeth Howell
La Dott.ssa Elizabeth Howell è docente e supervisore del programma di studi sul trauma presso il Manhattan Institute for Psychoanalysis. È stata co-Direttrice e docente del programma di formazione professionale sui Disturbi Dissociativi della Società Internazionale per lo Studio del Trauma e della Dissociazione (ISSTD), nonché responsabile del comitato editoriale del Journal of Trauma and Dissociation. Oltre ad aver pubblicato numerosi articoli rivolti ai professionisti del settore, è autrice e coautrice di diversi libri, tra cui: ‘Trauma and Dissociation Informed Psychotherapy: Relational Healing and the Therapeutic Connection”; “The Dissociative Mind”; “Understanding and Treating Dissociative Identity Disorder: Un approccio relazionale”; “Psicoanalisti, psicologi e psichiatri discutono di psicopatia e male umano” e “Donne e salute mentale”.
Liz Mullinar
Liz Mullinar è l’iniziatrice della Fondazione Heal for Life (HFL). I centri HFL globali hanno aiutato più di 8.500 adulti e bambini a guarire dai loro traumi infantili attraverso la partecipazione a un programma residenziale di una settimana con accesso facilitato. L’HFL si è guadagnato la reputazione di intervento unico ed efficace per favorire il recupero di persone con malattie mentali gravi e persistenti e con storie di traumi e abusi. Oltre il 69% dei partecipanti sperimenta una riduzione dei sintomi psichiatrici, mantenuta per oltre sei mesi, e oltre il 90% considera la partecipazione al programma come un cambiamento di vita o molto positivo. A metà degli anni ’90, Liz, sopravvissuta ad un trauma infantile, ha sviluppato il modello Heal for Life in collaborazione con professionisti della salute anch’essi sopravvissuti ad un trauma, con l’obiettivo di sviluppare un metodo permanente per guarire dagli effetti del trauma infantile.
Offer Maurer
Offer Maurer, PhD, is a Clinical Psychologist and directs the Programme “The New Wave in Psychotherapy” at the Interdisciplinary Centre (IDC) in Hertzeliya. He is co-founder of the Israeli Institute for Schema Therapy and served as President of the Israeli Association for Psychoanalysis and Relational Psychotherapy. Dr. Maurer is also the founder of the Gay-Friendly Therapists Team, the first gay-friendly Psychotherapy Institute founded in Israel in 2001. He also works as a lecturer in numerous International programmes on LGBT issues, LGBT sexuality, Schema Therapy and the Integration of Psychotherapy. Dr. Maurer works privately, in New York and Lisbon, as a Psychotherapist specialised in Schema Therapy and Life Coach, both individually and in groups.
Roger Solomon
Roger Solomon è uno Psicologo specializzato nelle aree del trauma e del lutto. È Direttore del programma e docente senior dell’EMDR Institute e insegna la terapia EMDR a livello Internazionale. È consulente del Senato degli Stati Uniti e ha fornito consulenze alle forze dell’ordine e alle agenzie governative, tra cui l’FBI, i servizi segreti, la NASA, l’ufficio del procuratore degli Stati Uniti e l’esercito degli Stati Uniti. In Italia è consulente della Polizia di Stato e dell’Università di Roma (La Sapienza) ed è professore ospite dell’Università Salesiana di Roma. Negli ultimi 15 anni si è concentrato sull’utilizzo della Terapia EMDR nel trattamento del PTSD complesso e della Dissociazione legata al Trauma, secondo la Teoria della Dissociazione strutturale della personalità. Il Dr. Solomon è autore o coautore di 45 articoli e capitoli di libri riguardanti la Terapia EMDR, il lutto, il trauma complesso, il trauma acuto e lo stress delle forze dell’ordine.
Pat Ogden
Ogden è una pioniera della Psicologia Somatica e la fondatrice e Direttore didattico del Sensorimotor Psychotherapy Institute, una scuola riconosciuta a livello internazionale specializzata in approcci somatico-cognitivi per il trattamento del disturbo da stress post-traumatico e dei disturbi dell’attaccamento. Il suo Istituto, con sede a Broomfield in Colorado, ha 19 formatori certificati che conducono corsi di psicoterapia sensomotoria di oltre 400 ore per professionisti della salute mentale in tutti gli Stati Uniti, Canada, Europa e Australia. L’Istituto di Psicoterapia Sensorimotoria ha certificato centinaia di psicoterapeuti in tutto il mondo in questo metodo. È cofondatrice dell’Hakomi Institute, ex docente della Naropa University (1985-2005), clinica, consulente e ricercata docente internazionale. La dottoressa Ogden è stata la prima autrice di due libri innovativi sulla psicologia somatica.
Alessandro Carmelita
Psicologo Psicoterapeuta, si è formato con alcuni tra i massimi Esperti nell’ambito della Psicoterapia e della Neurobiologia Interpersonale. Creatore della Mindful Interbeing Mirror Therapy, sviluppata assieme a Marina Cirio. Viaggia in numerosi Paesi per diffondere questo nuovo rivoluzionario approccio.
Marina Cirio
Marina Cirio è Psicologa e Psicoterapeuta. Ha arricchito la sua formazione professionale con recenti contributi nel campo della psicoterapia e delle neuroscienze. Ha sviluppato la Mindful Interbeing Mirror Therapy (MIMT) insieme ad Alessandro Carmelita, contribuendo così ad ampliare sia le implicazioni cliniche sia il lavoro di ricerca sugli interventi terapeutici utilizzabili con diverse tipologie di pazienti. Il corso di formazione in MIMT permetterà a molti altri terapeuti di apprendere e comprendere questo nuovo modo di relazionarsi con i clienti, che può facilitare un cambiamento reale e profondo.
Diana Fosha
Diana Fosha, PhD, è l’ideatrice dell’AEDP (Accelerated Experiential Dynamic Psychotherapy), modello terapeutico esperienziale orientato alla guarigione e alla trasformazione, nonché fondatrice e Direttrice dell’AEDP Institute. Negli ultimi 20 anni, Diana è stata attiva nel promuovere una base scientifica per un modello di trattamento del Trauma orientato alla guarigione, incentrato sull’attaccamento, sulle emozioni e sulla trasformazione. Il lavoro di Fosha si concentra sull’integrazione della neuroplasticità, della scienza del riconoscimento e della ricerca diadica sullo sviluppo nel lavoro clinico esperienziale e trasformativo con i pazienti. Il suo lavoro più recente si concentra sulla fioritura come parte integrante del processo di trasformazione della sofferenza emotiva. È autrice di The transforming power of affect: A model for accelerated change (Basic Books, 2000), coautrice e curatrice di molte altre opere.
Ruth Lanius
Ruth Lanius, MD, PhD, è docente di Psichiatria e direttrice del centro di ricerca sul Disturbo da Stress Post-Traumatico (DSPT) presso la University of Western Ontario. È stata la fondatrice di due servizi sullo stress traumatico, specializzati nella ricerca e nel trattamento del DSPT e dei disturbi ad esso associati. È titolare della cattedra Harris Woodman di Medicina mente-corpo presso la Schulich School of Medicine and Dentistry della University of Western Ontario. I suoi interessi di ricerca vertono sulla neurobiologia del DSPT e sullo studio degli esiti del trattamento, realizzato mediante l’analisi di metodi farmacologici e psicoterapeutici diversi. Ha pubblicato oltre 150 articoli e capitoli di libri sullo stress traumatico ed è attualmente beneficiaria di vari finanziamenti federali. Inoltre, tiene regolarmente conferenze sul DSPT a livello nazionale e internazionale. Di recente, ha pubblicato il suo ultimo libro “Healing the traumatized self: consciousness, neuroscience, treatment” (tr. it., “La cura del Sé traumatizzato”, Fioriti Editore, 2017), di cui è coautrice insieme a Paul Frewen.

Congresso Attaccamento e Trauma: Relazioni, coscienza e sviluppo del Sé – 18-20 Giugno 2021

a cura di Fabio Veglia, Christine Courtois, Bruce Ecker, Elizabeth Howell, Liz Mullinar, Offer Maurer, Roger Solomon, Pat Ogden, Marina Cirio, Diana Fosha
150 
Alcuni prodotti che potrebbero interessarti:
2023 Istituto di Scienze Cognitive SRL.
Via Rolando 16, Sassari | All rights reserved
checked

Iscrizione effettuata

Benvenuto nella nostra famiglia. Da questo momento riceverai, periodicamente, informazioni e materiale esclusivo circa le novità sulla salute mentale.
ISC-Logo