ISC logo Form Psico
Reclaiming lives: working with survivors of intimate partner violence
Date: Venerdì 20 e Sabato 21 Gennaio 2023 *
Orario: Dalle 09:00 alle 13:00
Streaming disponibile su Zoom Meetings
Accedi alla videoregistrazione dell’evento senza limiti di tempo

Sono previsti dei crediti

🪙 Riceverai 8 crediti ECM

150,00 

(prezzo IVA inclusa)

🔓 Pagamento online immediato (by Stripe)
🏦 Pagamento con Bonifico entro 48/72h
Partner Evento (Turchia): yeni_ps-1
Partner Evento (Malta): waterlily

Dettagli dell’evento

Negli ultimi anni, l’impatto della violenza commessa dal partner intimo (o intimate partner violence, IPV) sul benessere fisico e psicologico dell’individuo è stato oggetto di crescente riconoscimento. Per i professionisti della salute mentale risulta quindi sempre più importante comprendere profondamente le dinamiche dell’IPV, coglierne le diverse sfumature e, soprattutto, rispondere a questo fenomeno in modo rispettoso ed efficace. Esistono, infatti, buone probabilità che un terapeuta si trovi a lavorare con sopravvissuti a questa e altre forme di violenza familiare all’interno della propria pratica clinica.

Se, da un lato, alcuni sopravvissuti adottano un approccio diretto nel chiedere supporto in merito alle esperienze di violenza familiare vissute, molti, dall’altro lato, intraprendono un percorso di counseling o di psicoterapia per problemi relativi all’ansia, alla depressione oppure a difficoltà comportamentali e relazionali nei figli, tutte problematiche che hanno origine da – o sono in qualche modo associate a – la violenza subìta all’interno della sfera domestica.

È dunque necessario che i terapeuti comprendano l’impatto psicologico, sia a breve che a lungo termine, della violenza commessa dal partner intimo e, soprattutto, siano in grado di rispondere efficacemente sia alle rivelazioni dirette che alle indicazioni indirette. Nel corso degli ultimi decenni, gli interventi terapeutici mirati a rispondere a queste forme di violenza interpersonale sono diventati progressivamente meno patologizzanti nei confronti dei sopravvissuti e più orientati all’attribuzione delle responsabilità al perpetratore per i comportamenti attuati. Carmel O’Brien illustrerà il modello di trattamento flessibile da lei ideato, finalizzato ad aiutare i sopravvissuti a riconquistare la propria salute mentale o a ristabilirsi dalle violenze e dagli abusi subìti, migliorando il proprio stato di salute mentale e la propria capacità di funzionamento. Questo modello consente alla terapia di mantenere lo stesso livello di efficacia, anche laddove le molestie e gli abusi siano ancora in corso. Il modello terapeutico sviluppato da Carmel si basa, inoltre, sulla convinzione che il sopravvissuto sia in grado di agire efficacemente e, con un supporto appropriato, di prendere delle buone decisioni per sé stesso. Supportare i sopravvissuti in questo processo implica spesso, tuttavia, una serie di elementi di rischio; per questa ragione, è necessario che i terapeuti imparino a gestire abilmente sia i rischi che le loro stesse preoccupazioni nei confronti dei sopravvissuti con cui lavorano, senza dimenticare l’importanza di prendersi cura di sé in modo appropriato.

Obiettivi formativi

Il Webinar offrirà ai partecipanti una serie di informazioni e strumenti che consentiranno loro di:

  • Comprendere la natura e le dinamiche delle violenze e degli abusi commessi dal partner intimo.
  • Comprendere l’impatto psicologico degli abusi commessi dal partner intimo.
  • Avere un quadro di valutazione del rischio, semplice da utilizzare e basato sulle evidenze, necessario per gestire casi in cui sono presenti violenze commesse dal partner intimo.
  • Rispondere in modo rispettoso alle rivelazioni del cliente in merito alla presenza di rischi e gestire efficacemente situazioni ritenute potenzialmente a rischio;
  • Lavorare con i clienti in modo collaborativo, accompagnandoli nel loro percorso verso la sicurezza.
  • Avere accesso a un modello terapeutico flessibile che faciliti la ripresa del cliente.
  • Identificare i tentativi più comuni attuati dai soggetti che ricorrono alla violenza, in modo da minimizzare le violenze e incoraggiare una collaborazione con dei professionisti del settore.
  • Comprendere quali sono gli aspetti fondamentali da considerare nel lavoro con i bambini che subiscono violenze in famiglia.
  • Prendere decisioni appropriate nel lavoro con le coppie in cui potrebbero essersi verificati episodi di violenza da parte del partner intimo.
  • Apprendere i principi alla base di una stesura rispettosa delle relazioni richieste dal tribunale e/o da altre terze parti.
  • Individuare efficacemente i professionisti a cui rinviare il caso quando sono coinvolte – o devono essere coinvolte – delle terze parti e lavorare con altre figure all’interno del sistema dei servizi sociali.

Durante il Webinar saranno descritte, inoltre, tecniche e strumenti pratici finalizzati ad aiutare i terapeuti a definire gli obiettivi della terapia insieme ai clienti e a monitorare i loro progressi nel corso delle sedute.

  1. È opportuno ricordare che, nonostante molte delle informazioni offerte da questo Webinar siano applicabili a un’ampia gamma di situazioni relative alla violenza familiare, nonché a un’ampia gamma di tipologie di clienti, il focus principale del corso è quello di fornire indicazioni su come offrire supporto a chi è sopravvissuto alla violenza commessa dal partner intimo.
* L’evento sarà confermato al raggiungimento della quota minima di adesioni di 20 partecipanti.

* In caso di crediti multipli (quando disponibili ECM, CPD e CE) potrai scegliere quale tipologia di crediti riscuotere a seconda delle tue esigenze.

it_ITItalian
EVENTO IN EVIDENZA

Evento dal vivo a Roma

Da Ven 30 Settembre a Dom 2 Ottobre 2022

Attaccamento e Trauma: Le nuove frontiere della ricerca e della pratica clinica
a cura di Suzette A. Boon, Mary Jo Barrett, Diana Fosha, Roger Solomon, Vincenzo Caretti, Elizabeth Warner, Jonathan Baylin, Skip Rizzo, Alessandro Carmelita, Marina Cirio, Ronald D. Siegel, Christiane Sanderson, Deb Dana

Potrai ricevere sino a 145 crediti ECM