Con le nostre memberships, accedi ad oltre 350 corsi on-demand e 50 ECM ogni anno. A partire da poco più di 1€ al giorno.. Clicca qui!
Corsi On Demand

La natura nascosta dell’abuso sessuale tra fratelli: Quando i comportamenti sessualmente dannosi vengono mascherati da sperimentazione sessuale consensuale

a cura di Christiane Sanderson
Attraverso questo video corso, i terapeuti hanno la possibilità di acquisire maggiore consapevolezza rispetto al tema dell’abuso sessuale tra fratelli, imparando a distinguere la sperimentazione sessuale tipica da quella atipica. Oltre a fornire tutti gli strumenti necessari per lavorare con le vittime di abusi e le loro famiglie, Christian Sanderson spiega come parlare di sesso ai bambini e agli adolescenti per prevenire comportamenti sessuali dannosi.
230 
MP0030
Puoi pagare i in 3 rate, senza interessi! Per gli ordini oltre 100€, al check-out, potrai selezionare il pagamento con Klarna, che ti permetterà di pagare in 3 volte senza interessi.
Come accedere a questo Corso On-Demand?
Dopo l’acquisto ti sarà sufficiente entrare nella tua Bacheca e scegliere questo corso On-Demand per poter vedere tutti i video e scaricare le eventuali risorse (come slides e altro materiale). Ti ricordiamo che la visualizzazione dei corsi può avvenire, sul nostro sito web, da qualsiasi dispositivo (computer, smartphone e tablet), tutte le volte che vorrai.
Scopri gli obiettivi formativi di questo corso on-demand:
  • Rafforzare la consapevolezza relativa alle diverse forme di abuso sessuale tra fratelli e/o tra pari;
  • Comprendere la natura del comportamento sessualmente dannoso nei bambini;
  • Sviluppare una consapevolezza relativa alla natura della tipica esplorazione sessuale tra fratelli, consensuale e appropriata in funzione dell’età;
  • Distinguere i comportamenti sessuali tipici e consensuali tra fratelli da quelli atipici e non consensuali;
  • Comprendere il ruolo dell’adescamento e della “normalizzazione” del comportamento sessualmente dannoso;
  • Identificare gli effetti a lungo termine dell’SSA;
  • Comprendere quale approccio adottare per facilitare la rivelazione dell’abuso;
  • Riconoscere l’approccio più adatto per lavorare con i sopravvissuti adulti all’SSA, aiutandoli a legittimare le proprie esperienze e favorendone la ripresa e la guarigione;
  • Rafforzare la consapevolezza relativa alle difficoltà affrontate dai genitori e dai caregiver primari nel momento in cui viene rivelato un SSA;
  • Imparare nuove modalità per parlare di sesso e di sessualità ai bambini, aiutandoli così a proteggersi da comportamenti sessualmente dannosi.
Cosa imparerai da questo Corso On-Demand?

Si stima che un terzo degli abusi sessuali siano perpetrati da bambini: in alcuni casi, il comportamento sessualmente dannoso è attuato da bambini di età non superiore ai quattro anni. L’abuso sessuale manifesto tra pari è un fenomeno comunemente presente nei casi di molestie sessuali e bullismo sessuale, nonché nello sfruttamento sessuale tra pari e nell’utilizzo della violenza sessuale/dello stupro nelle gang. Tuttavia, esiste una forma meno evidente e spesso taciuta di comportamento sessualmente dannoso, solitamente sotto-denunciata in quanto mascherata da sperimentazione sessuale consensuale tra bambini, in particolar modo tra fratelli biologici, fratelli acquisiti e cugini. Per differenziare pienamente una sperimentazione sessuale consensuale da un comportamento sessualmente dannoso, è essenziale comprendere lo sviluppo sessuale sia tipico che atipico dei bambini e degli adolescenti. Questo workshop esaminerà la natura e le dinamiche dell’abuso sessuale tra fratelli o SSA (dall’inglese Sibling Sexual Abuse), nonché il suo impatto e i suoi effetti a lungo termine. Christiane Sanderson effettuerà una distinzione chiara tra la tipica curiosità e sperimentazione sessuale consensuale e appropriata in funzione dell’età, e il comportamento sessuale atipico, non consensuale e sessualmente dannoso. L’obiettivo è quello di consentire ai terapeuti di identificare il comportamento sessualmente abusante tra fratelli, aiutando così i propri clienti a distinguere quest’ultimo da forme di gioco sessuale consensuali.Il workshop esplorerà il ruolo dell’adescamento o grooming, esaminando in che modo l’abuso sessuale tra fratelli tende a essere normalizzato in quanto presentato come una forma di sperimentazione e di esplorazione sessuale consensuale ed evolutivamente appropriata. Durante il workshop saranno analizzate, inoltre, numerose strategie connesse all’SSA, come l’utilizzo di lusinghe finalizzate a convincere il bambino a lasciarsi coinvolgere in giochi correlati al comportamento sessualmente dannoso oppure a incoraggiarlo ad avere attività sessuali con altri bambini. In questo modo, i partecipanti potranno comprendere più approfonditamente fino a che punto interazioni sessuali evolutivamente inappropriate e non consensuali possono rendere difficile per il bambino, i genitori o gli adulti appartenenti alla sua sfera psico-sociale, riconoscere questi comportamenti come una forma di abuso sessuale a tutti gli effetti e rispondere in modo adeguato. A questo proposito, durante le due giornate del workshop saranno presentatati numerosi approcci che i genitori e/o i caregiver primari possono adottare per parlare di sesso e di sessualità ai propri bambini, in modo appropriato per la loro età, aiutandoli così a proteggersi da comportamenti sessualmente dannosi. Il workshop esaminerà anche i diversi fattori di rischio correlati all’abuso sessuale tra fratelli, tra cui esperienze traumatiche, abuso sessuale infantile, esperienze infantili avverse, nonché fattori individuali, familiari e socio-culturali. Il workshop illustrerà, inoltre, l’approccio terapeutico più indicato per lavorare con i sopravvissuti adulti all’abuso sessuale tra fratelli, in grado di favorire la rivelazione dell’abuso e il riconoscimento dell’esperienza vissuta come sessualmente dannosa. Iniziando a legittimare l’abuso e a comprendere in che modo ha inciso sulle loro vite, i sopravvissuti adulti potranno finalmente intraprendere il percorso verso una piena ripresa e una completa guarigione. Durante il workshop, i partecipanti saranno incoraggiati a realizzare una formulazione del caso basata su una vignetta clinica, in modo da imparare a riconoscere l’approccio più indicato per lavorare con un sopravvissuto all’abuso sessuale tra fratelli. Saranno illustrate con attenzione, inoltre, le strategie da adottare per prevenire e minimizzare il rischio che si verifichi un SSA. Per riuscire ad accogliere adeguatamente l’esperienza di chi è sopravvissuto a un SSA, è essenziale analizzare i propri valori e le proprie credenze riguardo al sesso e alla sessualità, nonché le modalità utilizzate per parlare di sesso ai bambini e ai sopravvissuti adulti senza provare imbarazzo o vergogna. Grazie a una serie di esercizi esperienziali e a numerosi momenti dedicati alle domande dei partecipanti, quest’ultimi avranno l’opportunità di sviluppare una comprensione più profonda della natura dell’abuso sessuale tra fratelli, nonché di imparare a riconoscere l’approccio più adeguato da adottare per consentire ai sopravvissuti di dar voce alle proprie esperienze e di legittimarle.

A chi è rivolto questo Corso On-Demand?
Questo Corso On-Demand è rivolto a tutti gli psicologi e psicoterapeuti.
Di cosa si parla in questo Corso On-Demand
Parte 1

La prima giornata sarà finalizzata a favorire a una maggiore comprensione dell’abuso sessuale tra fratelli, nonché una distinzione chiara tra la curiosità/sperimentazione sessuale consensuale e appropriata in funziona dell’età e il comportamento sessuale atipico, non consensuale e dannoso.

Gli argomenti trattati il primo giorno includeranno:

  • Comprendere la natura delle relazioni tra fratelli e il loro impatto sull’attaccamento;
  • Esaminare le dinamiche di potere tra fratelli e riconoscere in che modo possono essere utilizzate impropriamente;
  • Rafforzare la consapevolezza relativa alle diverse forme di abuso sessuale tra fratelli e/o tra pari;
  • Comprendere la natura del comportamento sessualmente dannoso nei bambini;
  • Distinguere i comportamenti sessuali tipici e consensuali tra fratelli da quelli atipici e non consensuali;
  • Comprendere il ruolo dell’adescamento e della “normalizzazione” del comportamento sessualmente dannoso;
  • Rafforzare la consapevolezza relativa al “duplice status” dei fratelli che hanno vissuto personalmente esperienze di abuso sessuale e adottano a loro volta comportamenti sessualmente dannosi;
  • Riconoscere i possibili ostacoli alla rivelazione dell’abuso e le strategie per favorirla;
  • Analizzare i fattori di rischio correlati all’SSA tra cui fattori individuali, familiari e culturali.
Parte 2

La seconda giornata si focalizzerà sull’impatto dell’abuso sessuale tra fratelli, sull’approccio da adottare per lavorare con le famiglie e i sopravvissuti, sulla prevenzione e sulle strategie da utilizzare per parlare di sesso con i bambini e gli adolescenti.

Gli argomenti trattati il secondo giorno includeranno:

  • Analizzare l’impatto dell’SSA sia su chi subisce che su chi attua il comportamento sessualmente dannoso, nonché sulla famiglia;
  • Comprendere la correlazione tra abuso sessuale tra fratelli e PTSD, PTSD complesso, trauma dello sviluppo e trauma ritardato;
  • Identificare gli effetti a lungo termine dell’abuso sessuale tra fratelli;
  • Esaminare gli approcci da adottare per lavorare con i bambini e le famiglie in cui si è verificato un abuso sessuale tra fratelli;
  • Riconoscere l’approccio più adatto per lavorare con i sopravvissuti adulti all’SSA, aiutandoli a legittimare le proprie esperienze e favorendone la ripresa e la guarigione;
  • Rafforzare la consapevolezza relativa alle difficoltà affrontate dai genitori e dai caregiver primari nel momento in cui viene rivelato un SSA;
  • Imparare nuove modalità per parlare di sesso e di sessualità ai bambini, aiutandoli così a proteggersi da comportamenti sessualmente dannosi;
  • Comprendere come lavorare con i sopravvissuti all’SSA utilizzando il Power Threat Meaning Framework, nonché un approccio informato sul trauma e orientato per fasi;
  • Analizzare diverse misure preventive per minimizzare il rischio di abuso sessuale tra fratelli;
  • Analizzare l’atteggiamento del terapeuta nei confronti del sesso, della sessualità e dell’abuso sessuale infantile e/o tra fratelli;
  • Enfatizzare il bisogno del terapeuta di prendersi adeguatamente cura di sé per ridurre il rischio di traumatizzazione vicaria.
Recensioni: cosa dice chi lo ha già acquistato?

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La natura nascosta dell’abuso sessuale tra fratelli: Quando i comportamenti sessualmente dannosi vengono mascherati da sperimentazione sessuale consensuale”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Christiane Sanderson
Christiane Sanderson è docente senior di Psicologia presso l’Università di Roehampton. Ha oltre 30 anni di esperienza di lavoro con i sopravvissuti ad abusi sessuali infantili, traumi interpersonali e abusi domestici. Sanderson ha svolto attività di consulenza e formazione per genitori, insegnanti, assistenti sociali, infermieri, terapeuti, consulenti, avvocati, il Comitato consultivo cattolico per la salvaguardia, la Chiesa metodista, il Servizio di polizia metropolitana, l’NSPCC, il Consiglio per i rifugiati e nelle carceri. Sanderson è autore di oltre dieci libri-guida, tra cui “Counselling Skills for Working with Shame” e “The Warrior Within: A One in Four Handbook to Aid Recovery from Childhood Sexual Abuse and Sexual Violence”.

La natura nascosta dell’abuso sessuale tra fratelli: Quando i comportamenti sessualmente dannosi vengono mascherati da sperimentazione sessuale consensuale

a cura di Christiane Sanderson
230 
Alcuni prodotti che potrebbero interessarti:
2023 Istituto di Scienze Cognitive SRL.
Via Rolando 16, Sassari | All rights reserved
checked

Iscrizione effettuata

Benvenuto nella nostra famiglia. Da questo momento riceverai, periodicamente, informazioni e materiale esclusivo circa le novità sulla salute mentale.
ISC-Logo