ISC logo Form Psico

Sintonizzazione intenzionale: dai neuroni specchio all’intersog- gettività.

About This Course

VITTORIO GALLESE

È Professore Ordinario di Fisiologia presso il Dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Parma. È, inoltre, Adjunct Senior Research Scholar presso il Department of Art History and Archeology della Columbia University (New York, USA) nonché Professore di Estetica Sperimentale presso l’Institute of Philosophy della University of London (Regno Unito). È coordinatore del Dottorato di Ricerca in Neuroscienze e Direttore della Scuola Dottorale di Medicina e Chirurgia dell’Università di Parma. Neuroscienziato, tra i suoi con- tributi scientifici principali vi è la scoperta – assieme ai colleghi di Parma – dei neuroni specchio, nonché l’elaborazione di un modello neuroscientifico dell’intersoggettività: la teoria della simulazione incarnata. Ha lavorato e insegnato nelle Università di Losanna, Tokyo, Berkeley e Berlino. È autore di oltre 230 lavori scientifici su riviste e libri internazionali, di due libri in qualità di autore e di tre libri in qualità di curatore. Ha ricevuto la George Miller Fellowship dalla University of California at Berkeley nel 2001, il Premio Grawemeyer per la Psicologia per l’anno 2007, il Doctor Honoris Causa dall’Università Cattolica di Lovanio, Belgio, nel 2010, l’Arnold Pfeffer Prize for Neuropsychoanalysis a New York nel 2010, il Premio Musatti della Società Italiana di Psicoanalisi nel 2014, la Kosmos Felloship dalla Humboldt Universität di Berlino e la Einstein Fellowship alla Berlin School of Mind & Brain della Humboldt University per il periodo 2016-2018.

SINTONIZZAZIONE INTENZIONALE: DAI NEURONI SPECCHIO ALL’INTERSOGGETTIVITÀ

La scoperta dei neuroni specchio ha svelato i meccanismi neurali che mediano tra la conoscenza esperienziale multi-livello, insita nel nostro corpo, e le certezze implicite rispetto agli altri che, simultaneamente, maturiamo in noi. Questa conoscenza esperien- ziale, correlata al corpo, ci permette di sintonizzarci con gli altri in modo intenzionale. Tale spazio “noi-centrico” ci consente di comprendere le azioni degli altri, nonché di decodificare le emozioni e le sensazioni che vivono. Una forma diretta di “comprensione esperienziale” viene raggiunta attraverso il modellamento dei comportamenti altrui sotto- forma di esperienze intenzionali, sulla base dell’equivalenza tra ciò che gli altri fanno e sentono e ciò che noi facciamo e sentiamo.

Questo meccanismo do modellamento può essere definito una forma di simulazione incarnata; attraverso la simulazione incarnata, non ci limitiamo a “vedere” un’azione, un’emozione o una sensazione. Parallelamente alla descrizione sensoriale degli stimoli sociali osservati, creiamo delle rappresentazioni interne degli stati corporei associati alle azioni, emozioni e sensazioni evocate nell’osservatore, come se quest’ultimo compiesse un’azione simile o provasse un’emozione/ una sensazione simile. I neuroni specchio sono probabilmente il correlato neurale di tale meccanismo. La classica distinzione netta tra esperienze in prima o in terza persona relative a determinate azioni, emozioni e sensazioni, risulta molto meno marcata se ana- lizzata dalla prospettiva dei meccanismi neurali utilizzati per mappare simili esperienze. Il divario tra i due punti di vista viene, infatti, colmato dal modo in cui la relazione intenzion- ale viene mappata funzionalmente, a livello neurale, dai meccanismi di rispecchiamento. Attraverso uno stato neurale condiviso – attivo in due corpi diversi, benché soggetti alle stesse regole funzionali – l’“Altro oggettuale” diventa “un altro Sé”.

Learning Objectives

Corso GRATUITO fino al 31 Ottobre
Iscriviti al portale e poi accedi per guardare il video tutte le volte che vorrai.

Curriculum

1 Lesson1h 34m 53s

Materiale Multimediale

Video1:34:53

Write a review

gallese
Free
Duration 1.6 hour
Lectures
1 lecture
Subject
Language
Italian

Course categories

it_ITItalian
EVENTO IN EVIDENZA

Evento dal vivo a Roma

Da Ven 30 Settembre a Dom 2 Ottobre 2022

Attaccamento e Trauma: Le nuove frontiere della ricerca e della pratica clinica
a cura di Suzette A. Boon, Mary Jo Barrett, Diana Fosha, Roger Solomon, Vincenzo Caretti, Elizabeth Warner, Jonathan Baylin, Skip Rizzo, Alessandro Carmelita, Marina Cirio, Ronald D. Siegel, Christiane Sanderson, Deb Dana

Potrai ricevere sino a 145 crediti ECM